IL COACH DEI TUOI CAPELLI
Giuliani Pharma

ATTENZIONE AL MICROBIOMA IN AUTUNNO

I principali fattori di squilibrio che possono provocare problemi ai capelli.

L’autunno è una stagione che porta sempre con sé grandi cambiamenti. Clima, abitudini alimentari e comportamentali si differenziano in modo significativo rispetto all’estate. Tutto questo può facilmente causare uno squilibrio del microbioma, con conseguenze sul benessere di cute e capelli.

6. autunno 1

L’importanza del microbioma

Il nostro corpo è abitato da miliardi di microrganismi da cui dipende in gran parte il nostro benessere e la nostra salute: questo immenso patrimonio genetico costituisce nel suo complesso il microbioma umano. L’intestino, la pelle, il cuoio capelluto: ognuno di questi ambiti è caratterizzato però da un gruppo specifico di batteri chiamato microbiota. I ricercatori Giuliani hanno dimostrato in modo inconfutabile, di fronte alla comunità scientifica internazionale, che dallo squilibrio del microbiota del cuoio capelluto dipendono diverse problematiche dei capelli e dello scalpo.

Fattori di squilibrio

Quando i batteri sono in equilibrio, tutto funziona bene: la nostra naturale barriera cutanea ci difende dalle patologie. Quando alcuni batteri sono preponderanti rispetto ad altri, invece, insorgono dei problemi. In autunno i fattori che possono favorire lo squilibrio, purtroppo, aumentano. Vediamoli insieme.

  • Stress: ansia e sollecitazioni psicologiche legate alla ripresa dei ritmi frenetici e – soprattutto quest’anno – alle preoccupazioni dovute alla particolare situazione che stiamo attraversando.
  • Variazioni climatiche: bruschi cambi di temperatura vanno spesso ad aggiungersi agli effetti di un’eccessiva esposizione solare durante l’estate.
  • Dieta squilibrata: dopo aver prestato più attenzione all’alimentazione durante l’estate, in autunno si tende spesso a lasciarsi andare ricorrendo molto meno ai cibi freschi ricchi di vitamine e proteine.
  • Igiene scorretta: tornando a contatto con l’inquinamento delle città, l’utilizzo dei mezzi pubblici e la vita di comunità, si può tendere a utilizzare prodotti di igiene troppo aggressivi e quindi dannosi per il microbiota del cuoio capelluto.

Principali problematiche

Ma quali sono le patologie a cui può portare uno squilibrio del microbiota del cuoio capelluto? Le più frequenti sono: aumento della produzione di sebo, irritazione, prurito, desquamazione, fino ad arrivare anche alla perdita dei capelli.

L’igiene al primo posto

Chi avverte già i sintomi di un possibile squilibrio o chi li vuole prevenire, deve essere consapevole dell’importanza di una corretta igiene. I capelli devono essere lavati spesso – almeno 3 volte a settimana, anche tutti i giorni – con prodotti detergenti efficaci ma non aggressivi e soprattutto rispettosi dell’equilibrio del microbiota del cuoio capelluto.

Commenti
Scrivi un commento