CAPELLI POST VACANZE: VANNO TAGLIATI?

Al rientro meglio fissare un appuntamento dal parrucchiere, ma seguire anche altri accorgimenti.

La prima cosa da fare quando ritorni a casa dalle vacanze è correre dal parrucchiere? Il taglio è una buona soluzione, ma da solo non basta. Scopriamo perché.

Le problematiche del rientro

Se durante le vacanze non sono stati seguiti i giusti accorgimenti di protezione (utilizzo di appositi spray protettivi e prodotti di detersione adeguati) e, comunque, se l’esposizione a sole e salsedine è stata intensa e prolungata, è molto probabile che al rientro i capelli non siano proprio in forma.

Secchezza delle punte e fibra capillare disidratata sono le problematiche più comuni. L’appuntamento dal parrucchiere è d’obbligo, ma non è l’unica soluzione da adottare.

Taglio sì o no?

Meglio concedersi almeno una spuntatina e poi, soprattutto, mantenere questa abitudine almeno ogni due mesi circa, anche se le tempistiche possono variare a seconda della lunghezza dei capelli come puoi leggere in questo articolo. Così aiuterai le punte a non rovinarsi , contribuendo a rendere i capelli più belli.

Riparare e nutrire i capelli

Tagliare però non è mai l’unica soluzione. Innanzitutto, il primo consiglio è quello di prolungare, almeno per qualche settimana, l’utilizzo dell’haircare routine utilizzata in estate (nel caso in cui tu abbia scelto prodotti specifici per il sole). Il fusto dei capelli, infatti, necessita ancora di protezione. Poi è sicuramente il momento di concedersi ampie dosi di nutrimento extra. Le maschere pre-shampoo sono una delle ultime tendenze e, in effetti, risultano particolarmente efficaci nel riparare e nutrire i capelli anche perché questo tipo di applicazione consente di applicare il prodotto prima di entrare nella doccia, aiutandoci a rispettare più facilmente i tempi di posa indicati.

Scrivi un commento