IL COACH DEI TUOI CAPELLI
Giuliani Pharma

DOPPIE PUNTE, 5 CONSIGLI PER PREVENIRLE

Come preservare capelli lunghi e sani con la cura quotidiana.

Lo styling, il sole, l’inquinamento, il cloro delle piscine, il vento: tutti questi fattori, alla lunga, indeboliscono i capelli. I più fragili tendono così a biforcarsi, dando vita alle doppie punte (in gergo tecnico tricoptilosi). La soluzione definitiva è quella di recarsi dal parrucchiere per tagliare le punte danneggiate. La prevenzione è fondamentale per non dover ricorrere alle forbici: ecco qualche consiglio.

bioscalin blog_211642298 doppie punte

Come pettinare i capelli

Spesso le doppie punte sono causate dal modo con cui si pettinano i capelli. Prima di tutto è necessario evitare di pettinare i capelli quando sono bagnati, perché sono più fragili. Molto meglio pettinarli prima della doccia, oppure utilizzare un pettine a denti larghi, così da non stressare la chioma. Sciogliete per primi i nodi a livello delle punte, per poi passare, pian piano, a pettinare le lunghezze fin dalla radice.

Come asciugarli

L’asciugacapelli, con le sue alte temperature, indebolisce la chioma. Certo, non sempre è possibile lasciare che i capelli si asciughino all’aria, soprattutto durante l’autunno e l’inverno. Meglio, in ogni caso, iniziare tamponando i capelli con un panno morbido, senza strofinarli, preferendo asciugamani in microfibra. Dopo averli tamponati, è possibile passare al phon, avendo cura di impostarlo su temperature medio-basse e di tenerlo ben distante dalla testa, così da non incentivare la formazione delle doppie punte.

Trovare l’elastico adatto

Gli elastici troppo rigidi possono causare le doppie punte: è preferibile limitarne l’utilizzo, preferendo lacci morbidi e pensati per rispettare la chioma, senza rinunciare a trecce, code di cavallo ed eleganti chignon. Per quanto riguarda i fermagli, accessori di moda in questo periodo, basterà indossarli per periodi limitati e levarli avendo cura di non strappare i capelli.

Fare maschere nutrienti settimanali

In commercio si trovano trattamenti specifici appositamente formulati per riparare le lunghezze, come le maschere dopo shampoo. Per punte molto danneggiate, esistono integratori alimentari pensati per fornire all’organismo i nutrienti fondamentali per rinforzare i capelli dall’interno e prevenire la rottura.

Scegliere una tinta per capelli nutriente

Un metodo ulteriore per rimpolpare la chioma è tingere i capelli con una tinta nutriente, che migliora l’aspetto estetico dei capelli danneggiati e contribuisce a donare un aspetto più sano alle punte. L’importante è che non contenga ingredienti aggressivi e che sia delicata anche sul cuoio capelluto.

Scrivi un commento